100 giorni al potere: Da "soluzioni ADO" a "Problemi ADO"

Pubblicato il da costaavorio

Traduzione dalla nota LMP pubblicata il giorno martedì 19 luglio 2011

 

 

Ouattara.jpgMassicce violazioni dei diritti umani, insicurezza preoccupante, paralisi e disfunzioni dei servizi pubblici, sistema sanitario disastroso, calo disastroso della crescita economica e impoverimento della popolazione accumulo di arretrati di stipendi di alcuni funzionari ...Così va il Costa d'Avorio, dal 11 aprile 2011. Per essere ai 100 giorni, il potere di Ouattara è piuttosto inquietante."Le soluzioni ADO" è in realtà un'illusione, "ADO-problemi".

Milioni di ivoriani fuggiti all'estero, mai accaduto. La Costa d'Avorio era piuttosto un rifugio per i rifugiati provenienti da altri paesi africani. Più di tre mesi dopo la fine della crisi post-elettorale, i rifugiati ivoriani in Ghana, Liberia, Guinea e così via. riluttanti a prendere la via del ritorno. Per partecipare ai lavori di ricostruzione avanti, difficile, in termini di aspettative. La fine della belligeranza e  gli appelli dei nuovi dirigenti della Costa d'Avorio non sono riusciti a riportare la calma tra le popolazioni sfollate. Questa è la prova evidente del clima politico prevalente nel paese. Il regime Ouattara  si è lanciato in una caccia sistematica contro i sostenitori di Laurent Gbagbo. Dall' 11 aprile, i sostenitori di Gbagbo vivono  nella  paura e nella clandestinità. Sono ricercati, arrestati e uccisi. Il presidente del Fronte popolare ivoriano (Fpi), Pascal Affi N'Guessan, e i due vice presidenti, Simone Gbagbo e Sangare Abou Drahamane sono detenuti arbitrariamente nel nord, roccaforte del nuovo capo di Stato. Occorrerebbe  ricordare che Simone Gbagbo è deputata della circoscrizione di  Abobo, e come tale, gode di una umiltà parlamentare. Più di 50 altri dirigenti influenti della FPI sono in prigione nelle stesse condizioni. Nella pubblica amministrazione, i sostenitori di Laurent Gbagbo ottengono lo stesso trattamento. Essi vengono sistematicamente rimossi dal loro incarico a favore di pro-Ouattara. Siamo alle premesse di una dittatura. Alassane Ouattara sta cercando di liquidare l'opposizione per stabilire il suo regime. Dal 11 aprile le libertà civili, il fondamento di ogni democrazia, sono seriamente minacciate. Lo stesso vale per la libertà di opinione.   E' il caso di ricordare che le  sedi dei giornali d'opposizione tra cui il quotidiano Notre Voie illegalmente occupato per mesi dagli elementi FRCI, pro-Ouattara.

 

Riconciliazione in stallo

In considerazione delle uccisioni di massa durante la crisi post-elettorale, la riconciliazione nazionale si imponeva come grande progetto per dare la possibilità alla Costa d'Avorio di riprendersi. Dopo tre mesi, questo progetto è ben lungi dall'essere avviato. A prescindere dalle dichiarazioni di principio, nessuna azione concreta è stata prevista nella direzione della riconciliazione. Il Capo dello Stato, Alassane Ouattara, ha nominato il presidente della commissione "dialogo, la verità e la riconciliazione" l'ex primo ministro Charles Konan Banny. La sua scelta è ovviamente tutt'altro che unanime anche all'interno del RHDP e il Pdci, di cui  è comunque un membro dell'ufficio politico . Molti ivoriani dubitano  della capacità di Konan Banny di conciliare popolazioni profondamente divise dal settembre 2002. Il divario tra gli ivoriani si allarga quotidianamente. Alla luce di un evidente paradosso. Alcuni Ivoriani vengono perseguitati, arrestati e imprigionati per la loro appartenenza etnica e politica. Allo stesso tempo, essi sono invitati al tavolo di riconciliazione nazionale. La pariglia tra  la giustizia e la riconciliazione non è in simbiosi. C'è una forte sensazione che la giustizia è diretta contro un campo.

Ogni giorno, i dignitari di Ouattara lanciano proclami sulle catene a Laurent Gbagbo e ai suoi co-detenuti trasgressori saranno condannati, anche se il processo non ha ancora avuto luogo.Queste dichiarazioni dei nuovi titolari del potere hanno portato gli osservatori nazionali ed internazionali a segnalare un "'giustizia dei vincitori".

 

Sicurezza a zero

Dal momento dell'arrivo di Alassane Ouattara al potere, la situazione della sicurezza è andata di male in peggio al punto in cui è immerso il paese in una sorta di confusione. Lo schema assume l'aspetto di vecchie dittature. paragonabili a quelli in Africa, tra 1960-1990. Accade di tutto in Costa d'Avorio come se lo stato  fosse crollato. E 'quasi una situazione di sicurezza zero. Ogni giorno, denunciamo rapimenti ed esecuzioni sommarie. Campi, villaggi e città ne sono la scena. Le donne sono violentate, le persone uccise nei villaggi, la proprietà e ricchezza rubati dalle case  Gli ivoriani non hanno pace di occuparsi liberamente dei loro affari . Il paese vive nella paura e disordine.  FRCI,  pro-Ouattara, si comportano come "guerrieros". Essi violano la legge impunemente. Le organizzazioni dei diritti umani, tuttavia, hanno denunciato questi fatti nei loro rapporti. Oggi, molti  ivoriani non si fidano di queste forze pro-Ouattara. Essi continuano a vederli come gli ex ribelli. Le forze e pro-Ouattara non ha cambiato il loro comportamento di uno iota. Mentre la nuova gerarchia è stato identificato, designata ma l'esistenza di comandanti di 'area, è un fatto strano per molti ivoriani.

 

La giustizia non esiste

La giustizia è quasi inesistente. Le sue reliquie sono controllate dalle autorità locali locali  .

La gendarmeria non funzionano. Molti sono distrutte o mancanti del minimo. Migliaia di poliziotti hanno abbandonato i loro posti. E 'difficile o impossibile citare in giudizio. Questo è particolarmente preoccupante visto che migliaia di banditi circolano liberamente dopo l'apertura dei cancelli carcere. La presenza di agenti FRCI nei posti di polizia è un fattore che  scoraggia gli ivoriani che vogliono lamentarsi. FRCI sono, l'esercito, polizia, gendarmeria, dogane acque e foreste. Confusione reale che UNOCI, sebbene complice di  Ouattara, è stato costretto a ammettere.

Racket sempre più esagerati

I  racket  hanno  assunto un dato esagerato dopo l'avvento al potere di Ouattara. Numerosi capi delle associazioni dei commercianti e degli operatori si lamentano del fenomeno.  Adama Toure, responsabile del coordinamento delle stazioni degli autobus, non ha misurato le sue lamentele riguardo il potere di Ouattara. Uomini di FRCI  richiedono   riscatti Per liberare coloro che tengono in ostaggio. In alcune zone remote, la gente è costretta a raccogliere contributi che ammontano a qualche milione di franchi CFA per ottenere il rilascio di un parente. Questa pratica è comune all'interno del paese. Ad Abidjan e in alcune città, FRCI costringendo i residenti della città a raccogliere contributi per la loro sicurezza. A-Cocody Angre, parlando di 5000 FCFA al mese per ogni casa. Coloro che si rifiutano vengono minacciati o attaccati. Caffè e cacao camion stanno pagando ingenti somme per FRCI prodotti per il routing. In posti come Agnibilékro e Issia, vettori pagare circa 250.000 CFA per camion.

 

200 franchi CFA per chilogrammo di cacao

L'economia ivoriana è crollato drammaticamente in tre mesi. Dal +4%, la Costa d'Avorio si ritrova con una crescita negativa, che è tra -3% e -7%. Secondo le proiezioni degli esperti, questa tendenza potrebbe essere mantenuta fino alla fine dell'anno. Il prezzo del cacao, produzione forte dell'economia, ha subito la stessa sorte. Da 1100 franchi CFA, è scesa  a 300 franchi CFA ovvero anche 200fcfa sul campo. Il settore industriale non è messo meglio . Centinaia di aziende hanno chiuso. Molti altri potrebbero chiudere nei prossimi mesi se lo Stato non interviene per aiutarli a far fronte alle  enormi bollette dei saccheggi.  La maggior parte delle aziende sono al minimo a causa del clima di insicurezza nel paese. La conseguenza diretta di questo è l'aumento della disoccupazione. Molti lavoratori hanno perso il lavoro negli ultimi tre mesi. In aggiunta a questo quadro desolante, c'è il debito del paese è salito in modo esponenziale. Il governo ha preso prestiti che ammontano a diverse centinaia di miliardi di franchi CFA dai donatori.

 

Salari arretrati

Sotto Alassane Ouattara, i funzionari della Costa d'Avorio hanno problemi legati ai salari. Poiché il rovesciamento Gbagbo, diversi dipendenti delle istituzioni della Repubblica sono in attesa del pagamento di stipendi arretrati. I membri hanno tre mesi di arretrati, i membri del Consiglio costituzionale non sono pagati per quattro mesi. La situazione è simile per il personale piccola del palazzo presidenziale. Anche i pensionati non fanno eccezione. Circa due mesi in ritardo, altri ne hanno tre. Il nuovo capo di Stato ha tolto alcuni benefici concessi in base al precedente regime. La divisa ha subito una puntura di 50.000 franchi CFA dei salari. Chi era l'incentivo concesso ai soldati. Nei confronti delle autorità finanziarie e di altro organismo professionale, si dice tagli pagare. In termini di pagamento, c'è anche un cambiamento. Trasferimenti di dipendenti pubblici non sono più i 25 del mese come da Laurent Gbagbo. I lavoratori ricevono la loro pagbila, un po 'più tardi, a volte anche dopo il 10 del prossimo mese.

 

Conclusione: Zero

100 giorni al potere, il nuovo capo dello stato ivoriano, Alassane Ouattara, non hanno  rassicurato. E 'stato incapace di dimostrare buona volontà su preoccupazioni pressanti degli ivoriani. La crisi politica, problemi sociali e condizioni economiche non hanno visto una bozza di risoluzione. Ouattara ha iniziato male il suo mandato. Questo è preoccupante perché oggi, i primi 100 giorni di un regime sono un indicatore importante per determinare la sua evoluzione. Alassane Ouattara ha annunciato una  "trasformazione" totale della Costa 'Avorio nel giro di cinque anni. "Datemi cinque anni soltanto, per trasformare la Costa d'Avorio", ha detto durante la campagna elettorale. "Le soluzioni ADO," era il suo slogan della campagna, è oggi un illusione. Il candidato dell'unione  degli  Houphouetists per la Democrazia e la Pace (RHDP) è stato introdotto come "il Messia" dal suo supporto esterno. Il presidente degli Stati Uniti, Barack Obama, ha detto che "la Costa d'Avorio meritano un uomo come Ouattara." Visti i 100 giorni ", Ado-soluzioni" diventa a "problemi ADO ".

Ogni giorno, Costa d'Avorio affonda ulteriormente e gli ivoriani stanno perdendo la speranza. La cosiddetta soluzione dei problemi di Alassane Ouattara dalla Costa d'Avorio sono effettivamente dei problemi. Alassane Ouattara non ha il diritto di deludere. E 'assolutamente necessario riuscire a mantenere la sua parola. Per l'inizio del termine, ha preoccupato, ma come l'anglo-sassone dire: "aspettiamo e vediamo", forse sorpreso ivoriani!

Cesare Ebrokié

Con tag Colonialismo

Per essere informato degli ultimi articoli, iscriviti:

Commenta il post